2014, ONDADICAMMMINI: un nuovo grande evento della RETE DEI CAMMINI

Lo ha deciso la RETE DEI CAMMINI in assemblea ad Altopascio lo scorso 1 novembre 2013.

Ed ora il progetto ha preso il via: da maggio (dopo la GIORNATA NAZIONALE DEI CAMMINI FRANCIGENI) a fine ottobre ondate di  “Cammini a staffetta”  o "a catena" (blocchi successivi) sul maggior numero possibile di cammini francigeni/cammini storici di Italia.  
Il tutto per festeggiare il ventennale (1994-2014)  della Via  Francigena di Sigeric come ITINERARIO CULTURALE del Consiglio d’Europa.
Le “ONDE” si succederanno a blocchi di lunghezza varia, a seconda delle esigenze,  da nord  - dall’imbocco alpino delle varie Vie Francigene - fino a Roma, e da sud da Leuca in su, sempre fino a Roma. 
Tutto quindi convergerà a Roma, in modo da trovarci tutti insieme per le giornate dell’incontro nazionale della RETE DEI CAMMINI , con  vari appuntamenti fra il 24 e il 26 ottobre 2014.

In buona sintesi, si tratta di creare tutti insieme  un vero movimento di cammino su tutte le Vie Francigene d’Italia. E di fare massa arrivando tutti insieme  a Roma  in una data precisa. E a questo arrivo tutti insieme si sta cercando di dare  una particolare risonanza mediatica. 
Un’idea molto bella, che darà nuova visibilità, sempre più concreta e “realmente “camminata”, a tutta  la Via Francigena e a tutti i cammini francigeni d’Italia. Un’idea che potrà realizzarsi con la necessaria efficacia solo se si creeranno vere sinergie.  

L'ONDADICAMMINI è un Work in progress: i nuovi eventi saranno inseriti FINO AL 20 OTTOBRE 2014.  OVVIAMENTE, PRIMA ADERITE, MAGGIORE SARA' LA VISIBILITA' DELLA VS ONDA. 

I Cammini si snoderano lungo una serie di 4 grandi assi: 

1. L'asse Alpi/ Roma; Direttrici storiche:  

Via Francigena della Valle di Susa 
Via Francigena di Sigeric; 
via Spluga/ via Regina; 
Via degli Abati; 
Via di S. Colombano 
Via Postumia  
Via del Volto Santo
Altro

Centri possibili di convergenza (ovvero tappe nodali, dove convergono più cammini):
Pavia; Bobbio; Milano o Chiaravalle Milanese; Corte S. Andrea; Piacenza; Pontremoli; Lucca; Siena;
Altro, sulla base delle ONDE che si verranno a creare

2. L'asse Appennini - Roma; Direttrici storiche:

Cammini di San Francesco 
Via Salaria
Cammino di San Pellegrino
Cammino di San Benedetto
Altro

Centri possibili di convergenza: 
Assisi 
Altro, sulla base delle ONDE che si verranno a creare

3. L'asse Puglia/Roma
Direttrici storiche: 
Cammino leucadense (Lecce-Brindisi)
Brindisi – Foggia- Siponto;
  (13 tappe)
Siponto-  Monte S. Angelo- S. Giovanni Rotondo- Monti Dauni- Molise-Montecassino - Roma 18 tappe
Via Appia:  dal Gargano- Benevento - Roma  CAI e GRUPPO DEI DODICI
Altro 

Centri possibili di convergenza:
Brindisi;  Monte S. Angelo; Jelsi; Montecassino/Casamari; tratto monumentale Via Appia
Altro

4. Isole
Le  consociate di Sicilia e Sardegna e  potrebbero percorrere  per intero, ad “ONDE DI CAMMINO”  o senza soluzioni di continuità, i cammini storici di cui si occupano. Oppure  organizzare un evento a catiena diretto simbolicamente verso il continente. Sarà importante infine che anche  loro vengano a Roma per le giornate conclusive, in modo da fare una grossa “massa critica” di cammini e camminatori. Dopo mesi di cammino, l’ONDA deve arrivare a Roma   il più possibile compatta e visibile, per dare a sua volta visibilità  al ruolo dei cammini e della mobilità dolce nello sviluppo sostenibile del nostro Paese. E ALL’IMPEGNO DI TUTTI gli organizzatori.
 

Centri di convergenza

Nei centri di convergenza dovrebbero avvenire eventi semplici, a costo zero, capaci di coinvolgere anche giocosamente  le comunità locali; sarebbe bello coinvolgere anche delle scuole, nei giorni feriali… magari con eventi di staffetta; interessante ed emotivamente molto coinvolgente potrebbe essere  anche  il ripetersi (almeno in alcuni centri di convergenza) di eventi corali, che potrebbero finalmente  ufficialmente promuovere anche l’INNO DELLA VIA FRANCIGENA (creato per iniziativa di IUBILANTES già dal 2001). 
  

Il ruolo della RETE

Come per la GIORNATA DEI CAMMINI, la RETE in sinergia con le proprie Consociate e con le sezioni CAI collaboranti, che hanno già esperienza del Cammina CAI 150,  farà da riferimento generale  e da cabina di regia; terrà i contatti con Associazioni/Enti non  consociati/gruppi/altro   che vorranno partecipare;  creerà un “testimonium” del cammino che passerà di mano in mano da ONDA a ONDA; curerà l’”immagine” dell’evento e la sua presentazione/promozione; darà lettere credenziali alle proprie Consociate perché chiedano agevolazioni/sconti/sponsor/contributi locali per i cammini che andranno ad organizzare; creerà adesivi distintivi  delle strutture che faranno agevolazioni e ne segnalertà il nominativo;  cercherà essa stessa sponsor /collaboratori/congributi a livello nazionale e una copertura mediatica significativa, anche via web. Ha già chiesto il patrocinio oneroso del Consiglio Regionale di Lombardia  e il patrocinio  di EXPO 2015, Parlamento Europeo -Ufficio d'Informazione di Milano e di Roma; Rappresentanza della Commissione Europea di Roma e Milano; in collaborazione con CAI regionale Piemonte e altre sezioni territoriali, Touring Club Italiano; ASSOCIAZIONE EUROPEA DELLE VIE FRANCIGENE; Radio Rai nella persona di Sergio Valzania; Associazione Civita.

Chi può organizzare/proporre/partecipare

Associazioni, Enti, gruppi organizzati, singoli. Si può scegliere fra :

ORGANIZZARE: completare un'ONDA /dare vita ad una nuova ONDA / ripetere un'ONDA organizzata da altri

PARTECIPARE:  a ONDE organizzate da altri. 

Per chi vuole organizzare:  aderire compilando l'apposito FORM  in questo sito  Per chi vuole partecipare ad un'ONDA ORGANIZZATA DA ALTRI: contattare  direttamente  l'Organizzatore
Saranno promosse dalla RETE e considerate pertinenti all'ONDADICAMMINI solo le iniziative  segnalate alla RETE atttaverso l'apposito FORM DI ADESIONE La promozione è sempre e in ogni caso assolutamente gratuita.

 

Responsabilità e Organizzazione


La RETE NON gestisce i cammini/le ONDE,  ma si limita a promuoverli e  a favorirli e non ne ha in ALCUN MODO la responsabilità.

 Ogni “onda” di cammino  avrà  un solo ente referente/organizzatore, che si organizzerà al meglio, potrà fissare un numero massimo di partecipanti/pernottanti in base a criteri di sicurezza e di logistica, e deciderà in modo autonomo se e come aprire /regolamentare la partecipazione, compresa la eventuale richiesta di contributi spese.

I contatti degli organizzatori con il territorio e le sinergie create dalla RETE avranno una ricaduta positiva sul territorio: dovrebbero contribuire a contenere i costi e a migliorare i servizi che il territorio stesso può offrire ai viandanti.

L'EVENTO dell'ONDADICAMMINI HA IL PATROCINIO DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

 E  SI SVOLGE ANCHE  

 

LOGO EXPO 2015
 

 

Media partner

Touring Club Italiano     storico partner della RETE DEI CAMMINI in tutte le sue attività pubbliche

Cooperativa WALDEN Viaggi a piedi, che organizzerà eventi che recheranno il marchio della RETE, sia per la GIORNATA che per l’ONDADICAMMINI. Per Per questi viaggi chiederà sempre la collaborazione delle Consociate e ne promuoverà le attività; offrirà sconti alle Consociate della RETE.  

 In collaborazione con Associazione Civita     

Torna a:
Archivio Attivit